Il ricordo di Renzo Imbeni
Data: Sabato, 16 gennaio alle 18:49:26
Argomento: Tribuna


Lo chiamavano il sindaco del sorriso. Giocava a pallone e andava in bicicletta. Era un uomo onesto. Credeva nelle sue idee, ma rispettava quelle altrui. Renzo Imbeni, Ŕ stato sindaco di Bologna per dieci anni. Cinque anni fa ci ha lasciate per sempre: i nostri cuori sono ancora pieni di dolore, del rimpianto di un uomo che ha dato tanto a questa comunitÓ, che ha raccontato giorno dopo giorno cosa vuole essere la buona politica.


Quest'anno si celebra il quinto anniversario della scomparsa di Imbeni. E per questo il Consiglio comunale di Bologna in accordo con il sindaco Delbono ha deciso di dedicare a Imbeni la Sala Bianca, una sala di Palazzo d'Accursio dove si riuniscono le commissioni consiliari, dove si avvia la discussione sui provvedimenti che l'amministrazione comunale intende prendere per il bene dei cittadini, dove l'opposizione solleva i propri dubbi, avanza le proprie proposte, dove i cittadini vengono ricevuti per essere tenuti in considerazione. Un luogo simbolo della democrazia. Sono stato tra i pi¨ forti sostenitori di questa iniziativa. Una scelta che rende merito a uno dei sindaci pi¨ amati di Bologna. Renzo Imbeni, infatti, ha saputo difendere la sua cittÓ da una degenerazione della politica che altrove ha caratterizzato ed infestato gli anni '80, aprendo le porte ad un populismo che ancora oggi rende difficile la buona politica e la soluzione dei problemi dei cittadini. Allo stesso tempo Imbeni ha portato Bologna in Europa: per anni eurodeputato, vicepresidente del Parlamento europeo, ha saputo dare alla nostra cittÓ un afflato europeo e una dimensione che andasse ben fuori dagli stereotipi. L'accusa principale che gli veniva mossa era quella di aver tenuto immobile la cittÓ. Eppure non fu immobilismo, fu sana valutazione che non ha senso imbarcarsi in imprese titaniche, che spesso non corrispondono ai reali bisogni dei cittadini. Imbeni ebbe il grande merito di capire il cuore profondo di Bologna. Di andare anche controcorrente, come avvenne all'inizio della triste vicenda della Uno Bianca. Il ritornello della destra era uno solo: si tratta di azioni di criminali che troverebbero un paravento dietro la presenza incontrollata di troppi immigrati in cittÓ. Imbeni disse chiaro e tondo che credeva che ci fosse dell'altro. Sappiamo tutti come and˛ a finire. Sappiamo tutti a chi, in questo come negli altri casi, la storia ha dato ragione.

Maurizio Cevenini

Presidente Consiglio comunale

18 gennaio 2009







Questo Articolo proviene da Maurizio Cevenini
http://www.mauriziocevenini.it

L'URL di questo articolo è:
http://www.mauriziocevenini.it/modules.php?name=News&file=article&sid=310