Maurizio Cevenini - LA LEZIONE DI FANTI
:: Homepage  ::  Matrimoni  ::  Fotogallery  ::  Calcio  ::  Politica  ::  Giornali  ::  Video  ::  Agenda  ::

  Matrimoni

Matrimoni
 

  Servizi

· Pagina iniziale
· Articoli Giornali
· Biografia
· Futuro Rossoblu
· Matrimoni
· News archivio
· Privacy
· VIDEO
 

  Archivio giornali

  2010

  2009

  2008

  2006-7
 

 
  Tribuna: LA LEZIONE DI FANTI
Postato Giovedì, 23 febbraio alle 18:24:55
 
 
  Tribuna
Noi bolognesi abbiamo avuto la fortuna di avere grandi sindaci. Persone che non solo hanno realizzato opere e preso decisioni determinanti per il presente ed il futuro della nostra città, ma uomini dei quali andare orgogliosi, per levatura morale, determinazione, passione e competenza. Uno di questi sindaci era Guido Fanti, che prese le redini della città nel 66, quando Dozza si dimise per ragioni di salute e restò in carica fino al 70. Quell’anno fu eletto primo presidente della Regione Emilia-Romagna.


Purtroppo Fanti se ne è andato qualche settimana fa. Ma come tutti i grandi uomini, ha lasciato un’impronta indelebile nella nostra storia. Perché la sua caratteristica principale era saper vedere lontano, immaginare la Bologna del futuro. E la città di adesso riflette ancora alcune sue scelte.

Pensate a quegli anni, al boom economico, alla grande ripresa. Dopo la guerra e la distruzione, era il momento di costruire, investire, progettare. Scegliendo con attenzione quali provvedimenti assumere.

Come prima cosa, Fanti decise di tutelare la città antica di Bologna e la conservazione del centro storico, per valorizzarlo dal punto di vista patrimoniale e turistico. Ma Bologna non era solo quella chiusa dentro le mura, quindi il sindaco decise di attuare il decentramento e, grazie anche alla spinta data alla partecipazione di tutti i cittadini, nacquero i quartieri. Fanti non si limitò ad immaginare la parte “bassa” della città, ma si preoccupò anche della parte alta, con un piano di salvaguardia della collina ed il riconoscimento del suo valore naturale e paesaggistico per la collettività. Infine, la sua giunta si concentrò sull’espansione a nord della città, con il “Fiera District” e le torri di Kenzo Tange. Le quattro torri, pensate anche come insediamento universitario, dovevano risolvere il problema degli studenti il cui numero era destinato a crescere negli anni a venire.

Questo è ciò che deve fare un sindaco: risolvere le problematiche quotidiane e saper guardare lontano, per progettare il futuro. Per farlo, bisogna ascoltare i cittadini, conoscere la città, avere passione e determinazione. Qualità che Fanti ha avuto fino alla fine. Certo, bisogna dire che in quegli anni c'erano risorse che oggi non ci sono. E allora i bilanci venivano ripianati a livello nazionale. Ma la differenza, importantissima, è che qui si è speso bene.



 
 
  Opzioni


Stampabile  Stampabile

Invia ad un amico  Invia ad un amico
 


 
 
Copyright © 2018 Mauriziocevenini (www.mauriziocevenini.it)
CMS by PhpNuke © 2002. All Rights Reserved. PHP-Nuke is a free software released under the GNU/GPL licence (software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL)