Maurizio Cevenini - Conclusa la Festa de l’Unità, distribuiti volantini contro il Cev
:: Homepage  ::  Matrimoni  ::  Fotogallery  ::  Calcio  ::  Politica  ::  Giornali  ::  Video  ::  Agenda  ::

  Matrimoni

Matrimoni
 

  Servizi

· Pagina iniziale
· Articoli Giornali
· Biografia
· Futuro Rossoblu
· Matrimoni
· News archivio
· Privacy
· VIDEO
 

  Archivio giornali

  2010

  2009

  2008

  2006-7
 

 
  Politica: Conclusa la Festa de l’Unità, distribuiti volantini contro il Cev
Postato Martedì, 21 settembre alle 16:00:29
 
 
  Politica Si accenna a un candidato che uscirà dall’anonimato il 7 ottobre, ma Mr. Preferenze è saldo nei cuori della gente.

Si è chiusa ieri con i fuochi d’artificio la Festa dell’Unità di Bologna, protagonista un dibattito acceso sulle problematiche focus della città.


Le infrastrutture, i trasporti ma, soprattutto, la scuola. L’anno scolastico è iniziato e Raffaele Donini, alla guida di un più rosso Pd, ha ricordato la presenza dei presidi del partito davanti agli istituti, a monito e protesta di una vergognosa Riforma Gelmini.

Provvedimento che ha tagliato milioni di euro all’istruzione, otto per la precisione, lasciando senza occupazione precari in tutto lo stivale. I tagli, gravosissimi, hanno messo in ginocchio quello che, anni orsono, era un fiore all’occhiello dell’Emilia Romaga, che vantava un’Università tra le più prestigiose, numerose scuole e asili di grande qualità, e insegnanti preparati ed attenti.

Ora, molti di questi insegnanti, giovani per lo più, sono privi di cattedra, costretti a cambiare classe ogni anno, se va bene, e ad assistere allo smantellamento di un sano percorso didattico per far spazio ad un’accozzaglia di sistemi e metodi, che nuoceranno inevitabilmente alla preparazione dei giovani alunni.

Presente, oltre a Raffaele Donini, segretario del Pd di Bologna, il Commissario Anna Maria Cancellieri, che ha saputo tenere testa ad un sagace Francesco Spada rispondendo con cognizione alle domande, senza però eccedere il suo ruolo. Analizzando con chiarezza e precisione tutte le questioni salienti di Bologna, che da mesi sono protagoniste delle pagine dei quotidiani locali, il dibattito si è concluso con un filmato, una sorta di piano programmatico che ha riassunto, una volta per tutte, il documento approvato pochi giorni fa dalla dirigenza del PD, 10 punti da portare avanti anche in vista delle prossime Primarie, ribadite ancora una volta da un determinato Donini.

La serata ha visto anche un ospite particolare che, nei prossimi mesi, potrebbe divenire protagonista indiscusso dei palchi cittadini. Maurizio Cevenini, seduto in prima fila, potrebbe essere infatti uno dei volti che gli elettori di centro sinistra saranno chiamati a scegliere come candidato sindaco.

Ma la sua possibile scesa in campo è già funestata da controversie, da critiche e dubbi sollevati riguardo la capacità o meno, del consigliere regionale, di governare una città ‘difficile’ come Bologna. Curiosa anche un’iniziativa portata avanti ieri sera da un gruppetto di ragazzi che, davanti all’ingresso principale della festa, ha distribuito cartoncini bianchi con scritto "il candidato alle primarie non cev". Ignoti, questo gruppo di militanti non ha voluto rendere nota l’alternativa a Mr Preferenze, che ha liquidato il fatto con un semplice “curioso l'impegno di un candidato anti-cev ancora prima che io scenda in campo".

La folla presente all’interno, e all’esterno, del padiglione centrale, comunque, non sembrava affatto d’accordo con questa potenziale nuova corrente, e quando Spada ha citato il Cev come probabile candidato, ha esultato.

Annalisa Dall’oca
 
 
  Opzioni


Stampabile  Stampabile

Invia ad un amico  Invia ad un amico
 


 
 
Copyright © 2018 Mauriziocevenini (www.mauriziocevenini.it)
CMS by PhpNuke © 2002. All Rights Reserved. PHP-Nuke is a free software released under the GNU/GPL licence (software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL)